Inserimento sociale e lavorativo di persone con autismi

Inserimento sociale e lavorativo di persone con autismi
Autori: Rocco Di Santo, Cosimo Minonni
Pagg.152 – cm 17×24
ISBN 9788896614082
Edizioni LEM LIBRARIA
€12,00

Disponibile

Per acquistare il libro:





Scegli ora il tipo di spedizione che preferisci:

Attenzione: se acquisti più libri, paga le spese di spedizione una volta sola!

Puoi anche richiedere il libro per email a: info@lem-aps.org e pagarlo con bonifico bancario sul nostro conto corrente presso la Banca Popolare di Sondrio, Agenzia di Sesto San Giovanni, IBAN: IT54 G0569620700000008431X18
Sono previsti sconti per i Soci e le librerie.

Esplora il libro

Inserimento sociale e lavorativo di persone con autismi
Inserimento sociale e lavorativo di persone con autismi

Il Job Coach per
l’inclusione scolastica e
sociale
a cura di Rocco Di Santo

L’esperienza del master in Basilicata
Il presente lavoro nasce da un’esperienza formativa svolta a Policoro
(Matera) organizzata e realizzata dall’ENFOR – Ente di Formazione e
Ricerca, che da oltre un decennio opera in Basilicata in settori diversi: dal
turismo all’agricoltura, dall’informatica al welfare. E proprio in
quest’ultima area che di recente ha posto un’attenzione maggiore al tema
dell’autismo proponendo e realizzando corsi di formazione, attività di
sensibilizzazione e convegni, in stretta collaborazione con: CulturAutismo
onlus (con sede a Roma), l’Associazione Lucana Autismo (con sede a
Potenza), l’Azienda Sanitaria Locale di Matera, la Fondazione Stella Maris
Mediterraneo Onlus (con sede a Chiaromonte – PZ), l’Associazione La
Giostra dei Colori di Aprilia (LT).
Il master realizzato è intitolato Esperto in abilitazione professionale per
persone con autismo ed è una prosecuzione di quanto già svolto in
Abruzzo con il Progetto StartAutismo (Sistema Territoriale per
l’Autonomia e la Realizzazione dei Talenti di persone con autismo).
Del progetto abruzzese, l’esperienza lucana ha recepito soltanto il
percorso formativo per operatori che andranno a svolgere il lavoro del
cosiddetto Job Coach, ovvero colui in grado di facilitare l’ingresso nel
mondo del lavoro del ragazzo autistico (se possibile) ancor prima di
completare il ciclo di studi della scuola secondaria.
7

Di fatto, tale figura:
 identifica e valuta i bisogni, le aspettative e le competenze della
persona con autismo;
 pianifica e realizza progetti personalizzati di transizione verso
l’età adulta e/o verso il lavoro, coinvolgendo la persona stessa, la
famiglia, i servizi locali, le aziende e i datori di lavoro, le
associazioni;
 sostiene la persona con autismo nell’attuazione del progetto di
inserimento con azioni di formazione e informazione mirate al
successo nell’inserimento e al recupero/acquisizione di
competenze;
 aiuta la persona con autismo ad avere fiducia nelle proprie
capacità, prendere consapevolezza dei diritti sociali, uscire da
isolamento e auto esclusione, e gli insegna a conseguire le abilità
fondamentali per il successo lavorativo, a sostenere un colloquio
di lavoro, preparare un curriculum, reggere gli eventuali
insuccessi;
 promuove ambienti di lavoro e di relazione sensibili e
competenti nel facilitare l’inserimento e il mantenimento del
posto di lavoro;
 dialoga con il tessuto imprenditoriale del territorio, diffonde
informazioni sulle agevolazioni economiche (tirocinio, borsa
lavoro, ecc.)
 individua nelle aziende le posizioni di lavoro più adatte alla
persona con autismo, mantiene collegamenti e collaborazioni
continue con le aziende;
 promuove e favorisce lo sviluppo di lavori all’interno di imprese
sociali e cooperative, anche nell’ambito di laboratori protetti, per
le persone con autismo;
 supporta il mentor e/o il tutor aziendale o professionale che aiuta
la persona con autismo a inserirsi nella sua postazione di lavoro e
a stabilire relazioni positive con gli altri colleghi;
 aiuta le famiglie nel cambiamento richiesto dalla transizione
verso l’età adulta;
 applica le norme sul lavoro di persone disabili e ricerca le
soluzioni contrattuali più idonee per facilitare l’inserimento e
tutelare il lavoratore con autismo;

 promuove azioni di sensibilizzazione e coinvolgimento della
comunità per il superamento dei pregiudizi sociali e culturali
sulle persone con autismo.